tumor2.jpg (55098 byte)

tumor3.jpg (46346 byte)

dott.ssa Maria Grazia Scalia

dott.sa Tullia Prantera

tumor8.jpg (27008 byte)

 

 

 

 

 

  tumor1.jpg (40215 byte)

La Sezione Comunale “Tommaso Ierardi” dell’A.V.I.S. – Associazione Volontari Italiani Sangue – di Petilia Policastro (KR), ha organizzato il giorno 8 dicembre il convegno: “La diagnosi precoce dei tumori al seno”, hanno collaborato il Gruppo A.I.D.O.  “Laura Caruso” e il locale Liceo Scientifico.

I lavori sono stati introdotti dal Presidente della sezione comunale Giuseppe Comberiati.

Il convegno di oggi, nei locali della neo biblioteca comunale, avviene in un grande spazio funzionale, tanto “atteso” dalla nostra comunità, la grande partecipazione è prova del grande desiderio di conoscenza. La scelta della sezione petilina di organizzare il convegno trae ispirazione dello statuto dell’associazione che pone in primo piano l’educazione sanitaria tra i principali scopi, attraverso un rapporto di collaborazione con le istituzioni che hanno competenza a riguardo la tutela e la promozione della salute. Il tumore al seno in continuo aumento, anche nella nostra comunità, potrà essere contrastato sia con un’azione di informazione sanitaria, sia attraverso un più efficace servizio sanitario che sia in grado di ridurre i tempi di attesa per l’esecuzione di una mammografia. 

Dopo i saluti del Sindaco Giuseppe Cerando, la prima relazione è stata della dott.sa Tullia Prantera, direttore servizio oncologia ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, che con l’ausilio di lucidi, ha illustrato la dimensione della malattia in Italia. Si è soffermata sul concetto di prevenzione e su alcuni scorretti stili di vita. Il fumo, ancora in crescita nelle donne, è la principale causa del tumore polmonare. Una dieta eccessivamente ricca di grassi animali è associabile a diverse forme tumorali, in particolare del colon-retto. Successivamente la dott.ssa Maria Grazia Scalia, direttore servizio anatomia e istocitopatologia ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, supportata da una videoproiezione, ha affrontato gli aspetti più specifici del tumore al seno, partendo dagli aspetti sulla struttura della mammella e sulle più frequenti patologie, anche non tumorali. Alle numerose donne presenti ha spiegato la tecnica dell’autopalpazione del seno, sollecitando l’importante esame mammografico dopo i 50 anni, in grado di individuare noduli millimetrici. Una diagnosi precoce riduce il rischio del processo della metastasi, aumenta di gran lunga la speranza di vita. I lavori si sono conclusi con l’intervento del Presidente Provinciale dell’AVIS Franco Rizzuti che ha elogiato l’iniziativa della sezione petilina e il pregevole risultato nella raccolta del sangue, che colloca Petilia Policastro tra i primi posti nella provincia di Crotone.

 

tumor10.jpg (45022 byte)

tumor11.jpg (51435 byte)

tumor12.jpg (37639 byte)

La vera causa dell'estinzione dei dinosauri